GIOIA 22, verso un futuro sostenibile

La torre di nuova generazione colloca Milano nel novero dei poli d’innovazione

15/11/2017

Gioia 22 card image

Gioia 22 diventerà ben presto un simbolo dello skyline milanese, oltre che parte integrante del quartiere degli affari di Porta Nuova. L’edificio è un magistrale esempio di crescita smart e strategica, sviluppo intelligente e design urbano responsabile.

L’innovativa torre GIOIA 22, a Porta Nuova, è progettata a misura d’uomo per garantire una vita lavorativa di qualità superiore. Con la sua particolare architettura, questo nuovo progetto urbano firmato dallo studio Pelli Clarke Pelli Architects (PCPA) esprime l’ambizione di COIMA di rivoluzionare il real estate attraverso un sapiente uso della tecnologia. Dall’alto dei suoi 120 metri, l’edificio sovrasta l’area di Porta Nuova, il quartiere dell’innovazione milanese emergente, che ospita gli Headquarters di numerose aziende nazionali e internazionali impegnate in settori diversi, dal finanziario al tecnologico, alla moda e ai servizi di consulenza: HSBC, Microsoft, Versace, Google, Accenture e Axa, per citarne solo alcune.

La torre si affaccia sul nuovo Parco Biblioteca degli Alberi, il terzo per estensione nel centro di Milano, con ben 90.000 m2 di verde. Il progetto si sviluppa su 30 piani, 4 dei quali interrati, coprendo una superficie totale di 68.432 m2. Il corpo dell’edificio e le aree circostanti fanno da ponte tra spazi interni ed esterni, privati e pubblici.

Un design urbano responsabile

GIOIA 22 è un progetto a misura d’uomo, con la sua accogliente piazza al livello della strada, ma anche di città, grazie al profilo fortemente dinamico. Diventerà ben presto un simbolo dello skyline milanese, oltre che parte integrante del quartiere degli affari di Porta Nuova. L’edificio è un magistrale esempio di crescita smart e strategica, sviluppo intelligente e design urbano responsabile.
Gregg Jones, Principal di PCPA

Gioia 22 block image

Per raggiungere questi obiettivi, GIOIA 22 otterrà la certificazione LEED, adotterà un approccio Cradle to Cradle alla selezione dei materiali, limiterà i consumi energetici grazie all’introduzione delle più efficaci best practice di edilizia sostenibile e sarà attrezzato con sistemi per la green mobility. 6.000 m2 di superficie saranno coperti da pannelli fotovoltaici, riducendo il fabbisogno energetico del 75% rispetto alle più recenti torri direzionali presenti nell’area di Milano. Un record assoluto per questo tipo di edificio, che permetterà tra l’altro di rispettare i requisiti dello standard Nearly Zero Energy Consumption Building (NZEB).

L’energia prodotta dal sistema fotovoltaico è in grado di soddisfare il fabbisogno energetico di 306 abitazioni. Piste ciclabili, aree pedonali, accessibilità a mezzi pubblici, predisposizione di parcheggi con colonne di ricarica per veicoli elettrici, biking facilities, ampi spazi riservati dotati di docce, spogliatoi, lockers: l’area di GIOIA 22 è perfettamente attrezzata per promuovere una mobilità green.

“L’edificio è un magistrale esempio di crescita smart e strategica, sviluppo intelligente e design urbano responsabile." Gregg Jones, Principal di PCPA

Le nuove frontiere della tecnologia coniugano la sostenibilità con le esigenze economiche e sociali di oggi e di domani

GIOIA 22 contribuisce a fare di Milano un laboratorio d’innovazione nello sviluppo del territorio

Documenti

Brochure

Comunicato Stampa